Logo Carte di Credito Online Guide, discussioni, links per una scelta delle carte di credito

Carte di credito storia

Le carta di credito nascono nel 1914 con Western Union, società finanziaria statunitense, che mette a disposizione dei propri clienti una carta metallica che da la possibilità di pagare in modo dilazionato i propri servizi.
Negli anni successivi, con il boom dei trasporti privati, la General Petroleum Company emette le proprie carte di credito per il pagamento di rifornimento carburante da parte degli automobilisti, seguita da altre compagnie petrolifere americane e dalla società di servizi telefonici AT&T.

1949 Frank McNamara fonda, insieme a Ralph Schneider e Casey Taylor, il Diners Club e distribuìsce 200 tesserine plastificate ai soci che possono rimborsare il prestito ricevuto entro 2 mesi.

1951 la Franklin National Bank introduce la prima vera carta di credito bancaria emessa a New York
sulla quale vengono incisi i dati del titolare.

1958 la Bank of America mette in circolazione la "American Express" e nello stesso anno crea la prima carta credito revolving : la "Bankamericard" con la possibilità di estinguere il debito in un unica soluzione o ratealmente.

1968 viene emessa la "MasterCharge" da quattro banche californiane che si uniscono per competere con la "Bankamericard".

MasterChange cambia successivamente il suo nome in MasterCard e BankAmericard diventa Visa.

Successivamente, tutte le carte di credito vengono munite di banda magnetica 1970 l'inventore giapponese Kunitaka Arimura inserisce un microchip all’interno della carta,
rendendola più sicura rispetto al sistema a banda magnetica.

 

Le carte di credito in Italia

Le prime carte di credite appaiono in Italia nel 1958 con il gruppo Dinners seguita nel 1968 da BankAmericard.

Carte di credito in Italia

Esempi di carte di credito

E' nel 1986, con la nascita dei Servizi Interbancari, che il sistema italiano entra a far parte del mercato delle carte di credito.

Inizialmente usata da stranieri in Italia per motivi turistici o di business, e da italiani appartenenti ad un'alta classe sociale, negli anni novanta la carta di credito viene accettata dalla maggior parte degli esercenti e questo contribuisce alla sua diffusione anche tra il ceto medio.