COME USARE LA CARTA DI CREDITO

La carta di credito è utilizzata spesso per pagare online, la transazione avviene semplicemente digitando le 16 cifre scritte sulla carta di credito più le 4 cifre della data di scadenza (mm/aa); alcune volte può essere richiesto il nome del titolare, e talvolta, ma raramente un codice di tre cifre scritto dietro la carta.
Nei negozi offline basta strisciare la carta di credito nell'apposito lettore in dotazione presso il negozio e talvolta identificarsi con un documento per verificare che titolare e utilizzatore sono la stessa persona, firmare la ricevuta di avvenuto pagamento, ovvero lo scontrino che il negoziante conserverà nel negozio e ritirare la merce. Lo scontrino contiene tutti i dati della avvenuta transazione compreso il numero della carta di credito e la scadenza.

Lo scontrino deve essere stampato in doppia copia, una per il negoziante ed una per il titolare della carta, si può essere molto scrupolosi e conservarla come promemoria in un luogo sicuro oppure distruggerla per non lasciare traccia dei 16 numeri della carta. Il rischio è quello di divulgare i dati della vostra carta di credito stampandoli su cartaceo, rendendoli visibili a chiunque, o in ogni caso renderli parte di un circuito di operazioni. Esiste una tutela per quanto riguarda la copia che rimane al negoziante, già applicata nei Paesi del Nord Europa. Ovvero lo scontrino con le informazioni sulla transazione viene stampato criptando alcune cifre della carta di credito: quattro cifre vengono sostituite con altrettanti asterischi. Non si leggerà più tutto il numero della carta ma solo alcune delle 16 cifre, rendendo questi dati inutilizzabili per eventuali scopi illeciti o transazioni online non autorizzate.

In Italia purtroppo non è ancora in atto questa precauzione, il call center di CartaSì rispondono che, per tutelarsi contro potenziali utilizzi illegittimi del nostro numero di carta stampato su questi famosi scontrini, il titolare, dopo aver firmato, può cancellare a penna alcune cifre della carta di credito dalla ricevuta che rimane al negoziante. Tutto questo senza quindi invalidare la transazione e senza violare alcuna legge.

La soluzione più semplice: sostituire il software che gestisce le transazioni e far stampare, almeno nello scontrino che rimane al negoziante, il numero di carta di credito oscurando almeno 4 cifre. Per i Paesi dove un metodo preventivo non è ancora in vigore, la soluzione migliore consigliata anche da CartaSì è prendere la penna e, dopo aver firmato, fare uno scarabocchio per nascondere anche qualche numero della carta.
Attualmente la certa di credito è uno strumento utile, sicuro e comodo; rendiamo noti alcuni consigli utili per la tutela della carta e del suo possessore:
le carte ed i loro codici segreti non devono mai essere conservati insieme. Se possibile memorizzare i codici e, in ogni caso, non riscriverli mai su bigliettini o foglietti di carta;
non rivelare ad alcuno i codici associati alle carte di pagamento, si tratta di dati rigorosamente personali;

Post a comment

CreditExpress Dynamic Image Banner 300 x 250 04.2015